Segata partecipa alla tappa trentina del Giro d’Italia 2015

13/10/2015

Segata collabora e partecipa alla tappa trentina della nuova edizione dell’evento Giro d’Italia 2015 – In corsa tra le eccellenze culinarie, dedicato al mondo dell’Ho.re.ca. e organizzato da Orogel e dall’ Associazione Professionale Cuochi Italiani.
Chef Ferrarini del team Orogel presenta l'appuntamento con il Giro d'Italia Orogel
Siamo a Levico in questa splendida location, per proporre l'innovazione, la ricerca e la cultura del cibo. Grandi aziende si propongono per l'innovazione tecnologica, l'innovazione di prodotto, ma soprattutto per proporre al pubblico della grande azienda Segata le novità della gastronomia.
Novità agroalimentare, come Orogel con le verdure surgelate, la pasta, con delle grandi paste di lusso e grandi semole di qualità, ma tantissime anche le novità che vi invitiamo a scoprire durante la giornata.
La ricerca e sviluppo, cosa serve? Serve assolutamente per proporre cose nuove sia a livello tecnologico che a livello di industria al consumatore finale. Perciò lo chef, il nostro interlocutore, ai nostri corsi, durante questi corsi che ormai teniamo da tre anni, deve trovare novità. Novità che possono poi sviluppare nei propri menù.

Stefania Segata spiega perché l’azienda Segata ha scelto di partecipare al Giro d’Italia
Segata ha voluto partecipare anche quest'anno alla tappa trentina del Giro d'Italia perchè per noi è molto importante organizzare eventi di questo tipo, perchè ci permettono di incontrare personalmente i nostri clienti, che sono gli attori protagonisti della ristorazione italiana e nazionale.
Abbiamo capito che questo tipo di iniziative, ci permettono inoltre di creare delle relazioni e delle partnership con gli chef e le altre eccellenze del mondo del food italiano, con le quali vogliamo crescere ed innovarci ogni giorno.
Infine siamo convinti che è proprio grazie ai nostri chef che noi riusciamo a far arrivare al consumatore finale, la qualità dei nostri prodotti, i nostri salumi Segata, attraverso il connubio tra la qualità delle materie prime e la sapienza culinaria degli chef.

Michele Menestrina, responsabile Fabbrica di Pedavena: importanza legame con il territorio, con i prodotti gastronomici e con i professionisti del settore food
Noi come locale Fabbrica di Pedavena, abbiamo deciso di ospitare questo evento, questa manifestazione qui da noi, perchè crediamo molto nel legame col territorio ed i prodotti di una certa qualità, che noi proponiamo giornalmente ai nostri clienti e quindi ci sembra giusto che oltre a noi, anche altre persone, altri professionisti del settore abbiano la possibilità di provare nuovi prodotti e nuovi gusti e sapori, proposti appunto dalle ditte che si propongono all'interno di questa manifestazione.
Noi come ristorazione siamo partiti da Cadine, più o meno tre anni fa, aprendo la Stube del Galletto, adesso abbiamo deciso di ampliarci e spostarci un pochino dalla sede nostra centrale e di aprire un altro punto vendita, molto più grande e molto più bello della Stube del galletto, qui in Valsugana a Levico Terme

Giorgio Perin, Capitano della squadra nazionale APCI: la nazionale cuochi come consulente per i cuochi professionisti
Come associazione cuochi abbiamo una squadra nazionale che si occupa di andare sul territorio italiano e presto andremo anche in tutta Europa, a fare delle dimostrazioni per quanto riguarda i piatti classici e non della cucina italiana. Quello che noi vogliamo fare non è certo la pretesa di insegnare qualcosa che qualcuno conosce già, ma noi vogliamo solo dare uno spunto per cercare di aprire la mente a chi fa il nostro lavoro, perchè alla fine quando uno è relegato dentro ad una cucina, vede quello che fa e comunque quelli che sono i suoi insegnamenti rimangono quelli. Noi vogliamo dare qualche stimolo in più per cercare di fare proprie delle ricette e tradurle ognuno con le proprie necessità, per poterle offrire ai propri clienti.
Sonia Re, Direttore Generale Apci: APCI, nazionale cuochi e innovazione di prodotto al servizio degli chef della ristorazione
Giro d'Italia in corsa fra le eccellenze culinarie: è un progetto che è nato quattro anni fa, che ogni anno gira il territorio italiano, è il quarto anno che torniamo in trentino e che ci leghiamo a Segata. Io credo che ci siano dei player sul territorio che svolgono un lavoro importante perchè non fanno solo un'attività commerciale e di business, ma danno veramente un servizio e quindi offrono delle opportunità agli chef in termini di qualità, lavorano i prodotti non solo per venderli, ma proprio per fare dei prodotti che possano essere al servizio degli chef. Il legame forte che si è creato con Segata viene dal fatto che loro vengono incontro a quelle che sono le richieste dello chef, quindi gli chef dal basso dicono "mi piacerebbe avere questo prodotto" e loro con la loro competenza ed il loro know how riescono ad offrirlo sul mercato.
In questo modo si crea una sinergia importante, una sinergia che ci porta oggi a creare una finestra, un palcoscenico di quella che è la collaborazione dove tutti i nostri chef, tutti i clienti di Segata si riuniscono in un momento innanzitutto di convivialità e poi di aggiornamento professionale. Sul palco oggi abbiamo la nostra nazionale, i nostri chef della squadra nazionale che da tutta Italia sono venuti qui per proporre un menù 2.0, quindi un menù legato a prodotti e food cost.
L’evento con la partecipazione di Segata si svolge martedì 13 ottobre 2015 alle 14:30 presso la Fabbrica di Pedavena, a Levico Terme (Trento) e costituisce la 6° tappa di un percorso che vede la Squadra Nazionale Italiana Apci Chef Italia portare in scena in diverse regioni italiane nutrizione, gusto e alta redditività attraverso un menù completo 2.0.

L’ottimizzazione del binomio qualità/prezzo rappresenta il focus della proposta culinaria che verrà illustrata durante l’evento. I componenti della Squadra Nazionale Italiana APCI Chef Italia gestiranno il momento formativo presentando un menù che parte da prodotti frutto di un lungo lavoro di ricerca e perfezionamento tecnologico e prosegue nelle abili mani degli chef con ricette attente al gusto, alla nutrizione e al Food Cost, per offrire ai clienti piatti che rispettano le esigenze contemporanee senza perdere di vista la valorizzazione delle tradizioni alimentari.

Ad aprire la tappa trentina dell’evento una degustazione guidata che vedrà la presenza dei salumi Segata, selezionati da APCI come ingredienti protagonisti dell’iniziativa assieme ai prodotti Orogel e ad altri prodotti del mercato Ho.Re.Ca., in quanto capaci di offrire la giusta risposta alle esigenze del progetto. I salumi Segata assieme agli altri prodotti sono i protagonisti anche del buffet di degustazione previsto a conclusione dell’evento.

La tappa trentina che vedrà la collaborazione e la partecipazione di Segata costituirà un momento di formazione gastronomica altamente professionalizzante dove protagonisti saranno il cibo, il gusto e l’alimentazione.

Stefania Segata, responsabile marketing Segata


 

Sonia Re, direttore generale APCI

APCI, nazionale cuochi e innovazione di prodotto al servizio degli chef della ristorazione
Associazione Professionale Cuochi Italiani, tutti la chiamano APCI come acronimo, siamo un'associaizone di categoria, legalmente costituita, ma a me piace dire che siamo una famiglia, una grande famiglia perchè abbiamo cinquemila chef associati, tutti in attività, tutti con mansioni diverse e di alto livello: diverse vuol dire hotel, vuol dire catering, vuol dire ristoranti, vuol dire pasticceria da ristorazione, vuol dire chef a 360° come oggi deve essere uno chef, quindi con tantissime competenze e tantissime attività.
Un'attività bellissima, nel senso che noi organizziamo eventi, organizziamo contest in tutto il territorio italiano con le principali fiere, istituzioni e quant'altro. il Giro d'Italia, quindi l'evento che organizziamo in questa giornata è quindi l'evento principe con il quale ci presentiamo.
Il Giro d'Italia è un progetto che vede 10 tappe ogni anno, che girano le principali regioni italiane, si lega a quelli che sono i principali player del territorio e vede protagonista la nostra squadra nazionale APCI Chef Italia.
APCI Chef Italia è la nostra nazionale, abbiamo selezionato dieci chef di estrazioni diverse, appunto come si diceva hotel, ristoranti, catering, per avere dei profili diversi, consulenti, insegnanti di scuole alberghiere e loro sono gli ambasciatori della cucina italiana sul territorio. Loro cercano di capire in base a quelli che sono i prodotti che ci sono sul territorio, quella che è la proposta per dare un servizio. L'associazione svolge principalmente un servizio: tutti i nostri eventi sono legati ad un aggiornamento professionale o alla convivialità. Convivialità perchè in tutti i settori della nostra vita oggi è indispensabile avere un punto di riferimento, per cui avere persone che condividono gli stessi problemi e le stesse opportunità della professione.
La professione del cuoco è una professione gettonatissima, adesso ultimamente stiamo facendo un progetto per le scuole alberghiere e tutti i ragazzi dicono "cosa vuoi fare da grande?" "voglio fare il cuoco!", "voglio fare lo chef" anzi, e lo chef è sicuramente una delle professioni più ambite, però è importante che tutti capiscano che è una professione molto faticosa, una professione dove non si fa l'attore in televisione, ma bisogna avere dietro un background, che ti permetta di fare delle scelte, di capire in che mondo cimentarsi, che tutti i giorni permetta di fare delle scelte importanti e impegnative.
Giro d'Italia in corsa fra le eccellenze culinarie: è un progetto che è nato quattro anni fa, che ogni anno gira il territorio italiano, è il quarto anno che torniamo in trentino e che ci leghiamo a Segata. Io credo che ci siano dei player sul territorio che svolgono un lavoro importante perchè non fanno solo un'attività commerciale e di business, ma danno veramente un servizio e quindi offrono delle opportunità agli chef in termini di qualità, lavorano i prodotti non solo per venderli, ma proprio per fare dei prodotti che possano essere al servizio degli chef. Il legame forte che si è creato con Segata viene dal fatto che loro vengono incontro a quelle che sono le richieste dello chef, quindi gli chef dal basso dicono "mi piacerebbe avere questo prodotto" e loro con la loro competenza ed il loro know how riescono ad offrirlo sul mercato.
In questo modo si crea una sinergia importante, una sinergia che ci porta oggi a creare una finestra, un palcoscenico di quella che è la collaborazione dove tutti i nostri chef, tutti i clienti di Segata si riuniscono in un momento innanzitutto di convivialità e poi di aggiornamento professionale. Sul palco oggi abbiamo la nostra nazionale, i nostri chef della squadra nazionale che da tutta Italia sono venuti qui per proporre un menù 2.0, quindi un menù legato a prodotti e food cost.

 

Sergio Ferrarini, chef leader del team Orogel

Giorgio Perin, capitano della squadra nazionale chef APCI


 

Michele Menestrina, responsabile Fabbrica di Pedavena


 

Loreta Ravagni, responsabile acquisti Segata


 
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Omeganet - Internet Partner